MECCANICI: ECCO UN BUON INTEGRATIVO
Giovedi 15 Maggio 2008
Condividi con:
Ti piace
196
Non ti piace
190
Sì alla produttività ma senza stravolgere gli orari e l′organizzazione del lavoro: si basa su questo principio l′accordo sull′integrativo raggiunto da sindacato e vertici della Bridgestone Methalfa Italia, multinazionale che produce pneumatici nello stabilimento di Macchiareddu a Cagliari.Frutto di confronto durato un anno e mezzo, l′integrativo passerà ora al vaglio dei trecento lavoratori della ex Gencord. L′accordo scongiura l′ipotesi proposta dal colosso giapponese che prevedeva di distribuire l′orario di lavoro su 4 giorni con 10 ore e 45 minuti di lavoro giornaliero e 4 giorni di riposo. Vengono invece confermati i tre turni attuali per 37 ore e mezza alla settimana, un aumento dei giorni lavorativi da 345 a 351 all’anno, la riduzione dell’organico con la mobilità incentivata, da 301 a 260 lavoratori entro il 2011, l′ incremento della produttività e del premio aziendale annuo. L’accordo prevede anche di intervenire congiuntamente, sindacato e azienda, su quelle diseconomie esterne che incidono pesantemente sul risultato finale dell’intero ciclo produttivo, energia e trasporti, chiedendo un confronto con la Regione sui tempi do costruzione del metanodotto e sulla continuità territoriale merci. Fra i temi affrontati anche quello relativo all’ambiente di lavoro: l’azienda si impegna a realizzare una serie di interventi per  ridurre le polveri, installare impianti di ventilazione, sperimentare sistemi fonoassorbenti. In buona sostanza si può affermare che anche con questo accordo il sindacato si fa carico delle esigenze dell’azienda, relativamente al fondamentale tema dell’aumento della produttività senza che questo comporti un peggioramento delle condizioni di lavoro e senza ridurre gli standard di sicurezza nei luoghi di lavoro e senza criminalizzare il costo del lavoro. (Piero Cossu)