Eurallumina: la Cgil del Sulcis chiede un tavolo istituzionale
Martedi 16 Dicembre 2008
Condividi con:
Ti piace
139
Non ti piace
149
Ventiquatt’ore di sciopero, dalle sette di stamattina sino a domani: è la risposta dei 200 lavoratori delle ditte d’appalto dell’Eurallumina, dopo l’annuncio da parte dell’amministratore delegato della multinazionale di proprietà della società russa Rusal, di ridurre del 50 per cento la produzione di alumina. La richiesta dei lavoratori è che l’azienda riveda questa decisione e si renda disponibile a un tavolo istituzionale in presenza anche del sindacato.
L’appello della Cgil sulcitana va al Presidente Soru: «Metta il suo orgoglio, la sua testardaggine da sardo – si legge in una nota – a disposizione della mobilitazione per salvare il lavoro, ritirando le dimissioni e operando con i lavoratori, il sindacato, i sindaci e le Province per combattere la crisi in atto».