Petrolchimico: «Dal Governo solo spot elettorali»
Mercoledi 28 Gennaio 2009
Condividi con:
Ti piace
142
Non ti piace
132
Un tavolo specifico per discutere del petrolchimico di Porto Torres: è la richiesta, reiterata più volte al Governo dal segretario della Cgil di Sassari Antonio Rudas che, in riferimento a quanto promesso dal ministro Scajola ieri a Cagliari, sottolinea: «Siamo d’accordo che venga convocato un tavolo nazionale ma non basta, vogliamo avere impegni definitivi chiari e non promesse dal sapore elettorale, chiediamo investimenti per il petrolchimico sardo e un piano per le bonifiche».
Intanto, stamattina a Sassari Rudas ha sollecitato l’intervento del segretario del Pd affinché al tavolo nazionale vengano convocati anche i vertici sindacali del territorio. Da una telefonata di Veltroni al  sottosegretario Letta sarebbe emerso l’impegno di quest’ultimo a garantire la loro presenza. «Però non vogliamo – spiega Rudas – che ci sia confusione fra i tavoli perchè devono essere distinti».
Nel pomeriggio si sono riunite le segreterie unitarie Cgil, Cisl, Uil e hanno concordato una linea comune: «Abbiamo chiesto un incontro alle istituzioni per definire insieme ai Comuni le nostre proposte e gli obiettivi da raggiungere». Lo sciopero del 13 febbraio è sospeso in attesa di verificare se il Governo convocherà il tavolo sul petrolchimico sardo.