Ammortizzatori in deroga, prorogato di due mesi l’accordo quadro
Mercoledi 25 Giugno 2014
Condividi con:
Ti piace
154
Non ti piace
142

 Cgil, Cisl e Uil hanno firmato oggi l’intesa con l’assessorato del Lavoro per la proroga di altri due mesi, fino al 31 agosto, dell’accordo quadro sugli ammortizzatori in deroga in scadenza a fine giugno. Resta altissima la preoccupazione per gli effetti negativi del decreto nazionale che ridisegnerà il sistema finora adottato, un testo che i sindacati giudicano peggiorativo.

Marinora Di Biase (Cgil), Oriana Putzolu e Giovanni Matta (Cisl), Gianni Olla (Uil), hanno infatti sottolineato nel corso della riunione in assessorato, che devono essere trovate le coperture per tutto il 2014. E’ una delle richieste avanzate all’assessore Mura dai sindacati che, dopo le sollecitazioni reiterate nei due incontri precedenti, hanno ottenuto che restino vincolati alle politiche attive e passive i 52 milioni di Fondi regionali utilizzati per anticipare i sussidi del 2013.
 
In riferimento alle nuove norme nazionali volte al superamento entro il 2017 dello strumento della mobilità così come concepito sino a oggi, i sindacati ha espresso un parere negativo, aggiungendo che “resta indispensabile accompagnare in questo percorso tutti i lavoratori coinvolti, attivando politiche attive del lavoro, non è accettabile restringere e modificare i criteri degli ammortizzatori senza restituire ai lavoratori una prospettiva”.
 
Secondo Cgil, Cisl e Uil, per farlo è indispensabile attivare percorsi di riqualificazione e reinserimento lavorativo, attraverso un piano per il lavoro da attuare anche in corrispondenza con gli strumenti della programmazione europea. In quest’ottica è evidente che per i lavoratori che fanno parte del bacino degli ammortizzatori in deroga deve aprirsi la possibilità di impiego in tutti i cantieri pubblici che verranno avviati (pensiamo all’impulso che può essere dato in termini occupazionali dalle opere immediatamente cantierabili) e nelle nuove occasioni di lavoro che verranno attivate con politiche mirate.