Ammortizzatori, oggi il presidio a Roma contro i tagli
Giovedi 24 Luglio 2014
Condividi con:
Ti piace
127
Non ti piace
139

Warning: getimagesize(back_end/images_news/1406200619.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.cgilsarda.it/home/leggi_notizia.php on line 477
Ammortizzatori, oggi il presidio a Roma contro i tagli

  

“Ridurre le risorse per gli ammortizzatori senza avviare misure che rilancino l’occupazione significa minare la stessa sopravvivenza di migliaia di lavoratori e famiglie che faticano persino a portare il pane in tavola”: così il segretario generale della Cgil Michele Carrus, stamattina in piazza Montecitorio a Roma insieme alla delegazione sarda, ha spiegato le ragioni della protesta unitaria contro il decreto che taglia le risorse e modifica l’impianto degli ammortizzatori in deroga.
 
“I lavoratori chiedono lavoro e non sussidi – ha detto Carrus - oggi ci si trova nell’intollerabile situazione in cui il lavoro è negato, i sussidi dell’anno scorso sono vergognosamente in ritardo e quelli per 2014 e 2015 vengono ridotti drasticamente”. Ciò che serve, per la Cgil, è una seria politica industriale, investimenti pubblici e per lo sviluppo, “non certamente riforme autoritarie o appelli via twitter ad aver fiducia nel futuro che, oltre a offendere migliaia di lavoratori in difficoltà, mistificano la realtà certificata da tutti gli indicatori sociali ed economici”.
 
Alla Regione il segretario Cgil chiede di sostenere i lavoratori con misure concrete e senza subire gli effetti devastanti che le scelte nazionali hanno sul nostro sistema sociale. Da qui l’appello affinché vengano “lasciati a disposizione per anticipazioni di sussidi i 52 milioni già conquistati dalle lotte sindacali e anche perché sia considerata questa urgenza nell’utilizzo delle nuove risorse rese disponibili dalla trattativa dei giorni scorsi con lo Stato”.