Ammortizzatori, i sindacati chiedono certezza di tempi e risorse
Giovedi 18 Settembre 2014
Condividi con:
Ti piace
151
Non ti piace
145

 Certezza di risorse e velocità nei tempi di erogazione: sono le due richieste avanzate da Cgil, Cisl e Uil nell’incontro di ieri con l’assessore Mura e l’Inps sul tema degli ammortizzatori sociali. "Solo il trenta per cento delle mobilità 2013 sono state erogate" - hanno denunciato i sindacati reiterando la richiesta di potenziare il servizio Inps dedicato alle pratiche di cassa integrazione. Fra le priorità evidenziate, la necessità di individuare il percorso più veloce possibile per i lavoratori che hanno raggiunto i requisiti pensionistici. "Siamo certamente preoccupati per il numeroso bacino e in particolare per quei lavoratori che dal 1 ottobre non riceveranno più alcun sostegno al reddito - hanno detto i segretari Marinora Di Biase, Oriana Putzolu e Gianni Olla sollecitando ancora una volta l’avvio di politiche attive per il lavoro che facciano fronte alla disoccupazione e diano una prima risposta al reinserimento di chi oggi non ha né un lavoro né un ammortizzatore". I sindacati avvertono che i 17,5 milioni stanziati dallo Stato devono essere erogati in fretta ma che non basteranno e occorre sollecitare il governo per gli ulteriori trasferimenti. 

Di Biase, Putzolu e Olla hanno inoltre chiesto all’assessore di concretizzare l’impegno preso nella nota a margine inserita nell’accordo quadro affinché venga aperto un tavolo con i diversi assessorati coinvolti per pianificare interventi di politiche attive finalizzati a dare risposte occupazionali alla grave emergenza.