Osservatorio Astronomico, no della Cgil alla fusione con Bologna
Giovedi 26 Febbraio 2015
Condividi con:
Ti piace
146
Non ti piace
143
Un appello alla Regione per difendere l’autonomia dell’Osservatorio Astronomico di Cagliari e del Radiotelescopio di San Basilio, strutture di eccellenza che l’Istituto nazionale di Astrofisica vorrebbe accorpare a quella di Bologna spostando i centri decisionali a Roma. A chiedere un intervento del presidente Pigliaru è il segretario generale della Cgil Michele Carrus, che considera la decisione dell’Inaf del tutto ingiustificabile e pericolosa per le innumerevoli prospettive e ricadute in termini di sviluppo economico e tecnologico in un settore, quello aerospaziale, che la stessa Giunta ha indicato come strategico. “Non accettiamo un’operazione che rischia di surclassare la Regione nel rapporto con l’Istituzione nazionale, che vorrebbe centralizzare controllo e gestione di una struttura realizzata anche con l’utilizzo di ingenti risorse regionali perché restasse in stretto collegamento con la comunità scientifica locale”.
Secondo la Cgil le ragioni dell’accorpamento sono immotivate e il metodo usato del tutto sbagliato: l’esigenza di un maggiore coordinamento tra le strutture dell’Inaf può e deve essere soddisfatta in altro modo, senza ledere così gravemente la loro autonomia e dentro un piano progettuale definito. E’ infatti singolare che si decida di affidare a un nuovo direttore della sede centralizzata romana  il compito di redigere un piano di riorganizzazione delle strutture accorpate: la scelta prescinde da una precisa esigenza organizzativa, l’unico scopo evidente sembra essere quello di assumerne il controllo sottraendolo alla realtà locale. “Un fatto inaccettabile” secondo il segretario Carrus che chiede un impegno diretto del presidente Pigliaru affinché “assuma, se già non le possiede, tutte le informazioni su un’operazione che giunge del tutto improvvisa, e che intervenga per scongiurarne gli evidenti effetti negativi per la Sardegna”.