Ammortizzatori, risorse insufficienti, Cgil chiede Piano lavoro
Martedi 12 Maggio 2015
Condividi con:
Ti piace
154
Non ti piace
156

Il decreto ministeriale che assegna alla Sardegna 55 milioni di euro per gli ammortizzatori sociali 2014 è stato firmato, ora l’Inps regionale dovrà velocizzare e gestire i pagamenti – evitando disparità - per i 27 mila lavoratori che aspettano da oltre anno: la sollecitazione arriva dalla Cgil regionale che sottolinea però anche il grave ritardo e l’inaccettabile insufficienza dei fondi nazionali. Secondo la segreteria Cgil “il governo Renzi scarica sulle Regioni l’onere dell’emergenza, inchiodandole alla responsabilità di farsi carico del dramma di migliaia di lavoratori.

 
"Rivendichiamo gli oltre novanta milioni che mancano per saldare il 2014 e l’immediato  trasferimento delle risorse 2015", hanno detto i segretari Cgil aggiungendo che il governo Pigliaru dovrebbe fare le dovute pressioni per ottenere quanto dovuto dalla Sardegna. In questo modo potremmo dedicare l’attenzione dovuta alle politiche attive e di reinserimento lavorativo e riqualificazione. Per raggiungere questo obiettivo il sindacato ha formalizzato, con un documento che la stessa Giunta aveva chiesto per ottenere informazioni sulle possibili azioni da intraprendere, una serie di misure da attuare subito per superare la difficile fase di emergenza e costruire, per i disoccupati, una prospettiva di lavoro e non di mera assistenza. Un documento dettagliato, che suggerisce le azioni da compiere, i risultati da raggiungere e le stesse coperture finanziarie richieste per attuarli. 
 
L’impegno del sindacato ora, è sollecitare l’attuazione del Piano contenuto nel documento ufficiale inviato alla Giunta: non sono ancora sufficienti infatti i provvedimenti  avviati che, seppure in parte contengano i suggerimenti del sindacato, hanno decisamente necessità di essere integrati e concretizzati.
Si tratta, ad esempio, di interventi da affiancare ai tirocini di reinserimento lavorativo già previsti dalla flexicurity, e rivolti i lavoratori che quest’anno escono dagli ammortizzatori in deroga o ordinari. E ancora, di percorsi formativi accompagnati da misure di sostegno al reddito, finalizzati ad adeguare le competenze alle opportunità di lavoro che si creeranno con la  programmazione unitaria regionale e locale, anche con il diretto coinvolgimento delle imprese interessate. La Cgil ha poi chiesto un intervento legato agli investimenti pubblici: misure condizionali, premiali e incentivi da inserire nelle procedure di gara, anche con  trattativa ristretta o affidamento diretto, in favore delle imprese che si impegnino ad assumere lavoratori in uscita dal sistema degli ammortizzatori. Il sindacato propone inoltre l’avvio di una stagione di lavori di pubblica utilità attraverso lo strumento dei cantieri verdi, prevenzione incendi, pulizia spiagge e cunette, arredo urbano, gestione beni archeologici. Fra le proposte, il prestito previdenziale, un percorso di accompagnamento alla pensione che la Regione potrebbe offrire ai lavoratori ai quali manchino tre anni o meno al raggiungimento dell’atteso diritto e che sono, con tutta evidenza, di difficile ricollocazione.  E ancora, sulla traccia di quanto proposto da Cgil, Cisl e Uil nazionali, il reddito d’inclusione sociale, una prestazione utile a coprire i livelli essenziali di assistenza sociale che si potrebbe sperimentare proprio in Sardegna.