Carbosulcis, se i fatti verranno accertati Cgil parte civile
Lunedi 31 Agosto 2015
Condividi con:
Ti piace
139
Non ti piace
134

Aspettiamo con fiducia l’esisto dell’inchiesta della magistratura per accertare quanto accaduto alla Carbosulcis con l’augurio che chi è accusato dimostri la sua estraneità ai fatti di cui abbiamo letto sulla stampa, ma sin da ora, ci riserviamo di costituirci parte civile, nel caso ne sussistano le condizioni e se nel comportamento dei rappresentanti aziendali della Cgil dovessero essere riscontrate illegalità.

 
La Cgil sottolinea che se venisse accertato che il sindacalista si è reso responsabile dei fatti riportati oggi sulla stampa, abusando dell’esercizio della rappresentanza, sarebbe un fatto gravissimo, inaccettabile e lesivo dell’immagine e del lavoro quotidiano compiuto da centinaia di sindacalisti Cgil. Un fatto la cui responsabilità sarebbe personale ed evidentemente legata a un esercizio del tutto arbitrario del ruolo di Rsu.
 
Nessuna tolleranza verso questo genere di atteggiamenti e, insieme a ciò, una denuncia verso i precedenti vertici aziendali che, soprattutto nell’ultima fase di attività della miniera, hanno preferito negare un ampio confronto sindacale, decidendo di limitare le trattative per l’attuazione della delibera regionale sulla ristrutturazione della miniera dentro il perimetro aziendale, con le sole Rsu e senza i sindacati confederali e di categoria che più volte avevano chiesto di portare il confronto su un diverso livello.