Carta dei Diritti Universali del Lavoro, al via la raccolta firme
Venerdi 08 Aprile 2016
Condividi con:
Ti piace
148
Non ti piace
143

 Parte domani anche in Sardegna la raccolta delle firme per la proposta di legge di iniziativa popolare sulla Carta dei Diritti Universali del Lavoro e per i tre referendum su voucher, responsabilità solidale, licenziamenti, promossa dalla Cgil nazionale.  

 
Per il via ufficiale della campagna, che prevede l’allestimento di banchetti in tutta l’Isola, sarà a Cagliari per l’iniziativa organizzata dalla Camera del Lavoro il segretario nazionale Fillea Cgil Walter Schiavella: l’appuntamento è alle 10 e 30 per la conferenza stampa in piazza Repubblica (bar Europa) insieme al segretario generale della Cgil Michele Carrus e al segretario della Camera del Lavoro Carmelo Farci.
 
Altre iniziative per la raccolta delle firme verranno organizzate, sempre per la mattina di domani, a partire dalle 10, a Oristano in piazza Roma, a Guspini in piazza XX Settembre, a Carbonia in piazza Rinascita, a Tortolì in via Monsignor Virgilio, nei due mercati rionali di Sorso e Sennori,  a Olbia in viale Aldo Moro e a Tempio in piazza Italia, a Nuoro davanti all’ospedale di San Francesco.
 
“Con il nuovo Statuto - ha spiegato il segretario generale Michele Carrus - la Cgil vuole innovare gli istituti della rappresentanza e della contrattazione, confermare i diritti fondamentali da riconoscere come universali e, quindi, da estendere inderogabilmente a tutte le persone che lavorano in qualsiasi forma legittima e tipologia contrattuale”.
 
La raccolta firme impegnerà il sindacato nei prossimi sei mesi nel corso dei quali verranno organizzati banchetti e iniziative nelle piazze, nei luoghi di ritrovo di città e paesi, nelle università e in tutte le occasioni pubbliche. Un impegno straordinario che fa seguito alla prima fase dell’iniziativa, la consultazione degli iscritti Cgil, articolata in due mesi e chiusa il 19 marzo, dopo 41 mila assemblee nei luoghi di lavoro a livello nazionale e 853 in Sardegna, che hanno raccolto intorno al testo proposto un consenso del 98,49 per cento.